DNV GL

Il Futuro dei Sistemi di Gestione

Il ruolo dei sistemi di gestione nella quotidianità delle aziende sta cambiando: rispetto all’adempimento dei requisiti di conformità imposti dagli standard di riferimento, i sistemi di gestione stanno valicando i perimetri fisici delle organizzazioni per investire tutta la catena del valore, includendo il contesto e la società nel suo complesso.

Come saranno i sistemi di gestione nel 2025?

Condividi:
Stampa:
Blueprint of cogwheels

Nel 2015, in occasione dell’uscita delle nuove principali norme ISO per i sistemi di gestione, la ISO 9001 e la ISO 14001, DNV GL ha fatto un “serissimo” gioco, intervistando - come spesso fa - i propri esperti e alcuni clienti, ma chiedendo a tutti di parlare e descrivere le situazioni come se “corresse l’anno” 2025.

Dalle risposte ottenute è emerso un quadro che proviamo a sintetizzare qui: non è un salto temporale troppo lungo per immaginare uno scenario plausibile, di cui si vedono già segnali ineludibili. Un quadro caratterizzato da megatrend evidenti, di cui quotidianamente leggiamo nei fatti di cronaca e attualità, ma che può essere utile visualizzare in una prospettiva di business a medio termine.

Nel 2025, quindi…

I sistemi di gestione non sono più degli strumenti a sé stante, disponibili all’uso, ma sono ben integrati nella cultura aziendale al fine di supportarne i valori e gli obiettivi. Sono diventati invisibili ma non per questo meno presenti, in quanto elementi strutturali dell’organizzazione, capaci di adattarsi alla tipologia di business, grazie al fondamentale ruolo giocato da una leadership matura e dal coinvolgimento dei dipendenti, che ne garantiscono un uso efficiente.

Le organizzazioni, da tempo consapevoli dell’impatto dei megatrend, condividono ormai il fatto che “business as usual” non sia più una possibilità. Per questo hanno adottato un approccio basato su impegno e trasparenza, coinvolgendo gli stakeholder nella definizione degli indirizzi strategici e dei risultati da raggiungere. Il punto di partenza per la progettazione dei sistemi di gestione contempla il coinvolgimento di:

  • stakeholder - sempre di più scettici e attenti al modo di fare business da parte delle organizzazioni ,alle loro politiche e obiettivi,
  • clienti,
  • dipendenti,
  • azionisti,
  • appartenenti alla società civile.
La comunicazione e la trasparenza sono diventate attività fondamentali e tangibili e i sistemi di gestione comunicano ormai in tempo reale: gli stakeholder possono verificare le informazioni, in ogni istante, e avere una convalida dei dati e delle relazioni pubblicate dalle aziende.

Le organizzazioni sono proattive, perseguono l’allineamento dei propri principi con le pratiche, piuttosto che essere passivamente reattive ai regolamenti, agli standard e agli incidenti. Questo cambiamento continua a ricevere un forte impulso dalla società civile, estremamente cauta, informata e consapevole degli impatti potenziali di un’organizzazione e di pratiche di business non controllate.

Le organizzazioni, per garantire il perseguimento di obiettivi di business sostenibili, devono dimostrare di creare un valore condiviso per un numero rilevante di stakeholder, e per riuscirsi, devono saper guardare oltre i propri cancelli.

Ecco perché adesso, nel 2025, è indispensabile prevedere che i sistemi di gestione siano integrati e coprano tutta la catena di fornitura di riferimento, compresa la tecnologia, la progettazione, l’approvvigionamento, la produzione, il marketing e, infine, la distribuzione e la fornitura dei prodotti, assicurando processi sostenibili lungo l’intera supply chain.

Inoltre, i sistemi di gestione integrati prevedono la raccolta, il processo e l’analisi di un gran numero di dati. Questi sono diventati un reale strumento di comunicazione, con gli stakeholder, con i fornitori e le altre parti interessate. 

Operando nel cloud computing (o nuvola informatica, un contesto in cui diversi devices tecnologici interagiscono scambiandosi enormi quantità di informazioni in tempo reale benché dislocati in punti diversi), la tecnologia previene che questa grande quantità di dati che viene trasferita dai sistemi di gestione diventi ingovernabile, attraverso l’analisi e la gestione dei data, contribuendo ad una “creazione condivisa”’ che indubbiamente darà il proprio contributo allo sviluppo di un business sostenibile in un contesto ambientale e sociale ispirato ai principi e ai valori della sostenibilità.

In che direzione stiamo andando?

Nel leggere le interviste e le opinioni degli esperti di DNV GL, diventa chiaro che la direzione da intraprendere per i sistemi di gestione si indirizzerà verso un cambio di focus, spostandosi dalla ricerca della conformità agli standard alla necessità di integrare ed affrontare le richieste e le aspettative degli stakeholder. In questa direzione vanno, con passo più che deciso, le nuove norme ISO pubblicate nel 2015 e anche la prossima ISO 45001, attesa per la fine del 2016, non dovrebbe fare eccezione. 

Come le aziende si stanno impegnando nel diventare sempre più comunicative e trasparenti verso i propri stakeholder, così anche il ruolo della certificazione di terza parte sta cambiando. Perciò, in futuro, il settore della certificazione dei sistemi di gestione dovrà affrontare diversi vincoli, superare i propri confini e sfidare lo status quo per continuare ad avere un ruolo fondamentale nel business.

Mentre il ruolo dei sistemi di gestione nelle organizzazioni ha già intrapreso un suo percorso evolutivo, la terminologia e la cultura che li caratterizza sono rimaste invariate per anni. Ancora oggi la definizione di un sistema di gestione non è di fatto molto differente da quella usata per definire la gestione dei processi di business. Ma, come detto dagli esperti di DNV GL, “nel 2025 i sistemi di gestione dovranno comprendere la gestione dei processi di business”. Avranno quindi un orizzonte di riferimento ben più ampio.

Abbiamo visto quali cambiamenti ci saranno e quali dovranno esserci, ma il momento di agire è ora se vogliamo trasformare le visioni e le prospettive in azioni. Prepararsi a questa apertura e inclusività non è banale e vivere la transizione alle nuove norme come un mero adeguamento ai nuovi standard significa davvero perdere un’occasione.

L’impegno di DNV GL è guidare questo cambiamento, modellandolo insieme alle organizzazioni, agli stakeholder, ai dipendenti e alla società intera, con il supporto del grande numero di dati aggregati disponibili e della tecnologia: per entrare insieme nel futuro dei sistemi di gestione.