DNV GL

I requisiti per i conservatori digitali

Chi sono e cosa fanno i conservatori digitali? Cosa significa essere a norma? Ne parliamo con Simona Montinari, DNV GL Enterprise Customer Manager.

Condividi:
Stampa:
Synergi Pipeline Simulator Trainer software for hydraulic modelling of pipeline design
 
Clicca sull'immagine per visualizzare l'intervista completa.

L'obbligo di legge, previsto ad esempio per l'Amministrazione Pubblica, di conservare digitalmente dati e documenti informatici, prevede l'impiego di figure professionali molto qualificate, oltre a grandi risorse economiche.

Necessita altresì di un’organizzazione strutturata ed efficiente nonché di un impianto tecnico-informatico di altissimo livello tecnologico in grado di garantire gli standard di sicurezza più elevati.    

La conformità del sistema di conservazione digitale alle norme in vigore ed ai più elevati standard, nazionali ed internazionali in tema di sicurezza, ovvero la sua comprovata capacità di garantire e mantenere, nel tempo, il valore legale, l’autenticità, l’integrità, la leggibilità e la reperibilità dei documenti informatici conservati, può essere ufficialmente riconosciuta dall’Agenzia per l’Italia Digitale solo attraverso l’iscrizione nell’elenco dei conservatori accreditati (pubblicato sul sito www.agid.gov.it).

La nostra esperta Simona Montinari ci spiega chi sono e cosa fanno i conservatori digitali, cosa significa essere a norma e in cosa consiste e a cosa serve la relazione di valutazione di conformità.