DNV GL

Breadcrumbs

L'acqua sarà il prossimo carbone?

L’approvvigionamento idrico è indiscutibilmente un tema centrale: non soltanto a livello sociale o personale, ma anche dal punto di vista del business, soprattutto in relazione all’efficienza dei consumi. Nonostante la preoccupazione sia generale, c’è però ancora molto da fare per poter trasformare la sensibilità in impegno concreto e azioni responsabili.

Condividi:
Stampa:
Water Management - by DNV GL

È ormai "chiaro" e "trasparente" che la scarsità d’acqua è un problema globale di cui siamo responsabili, sia come singoli, sia come professionisti.
L’esplosione demografica, lo sviluppo economico, il cambiamento climatico, l’urbanizzazione e l’inquinamento stanno pesando tremendamente sulle risorse idriche mondiali. La domanda di acqua continua a crescere e si stima che entro il 2050 aumenterà del 55% a seguito della crescente domanda del settore manifatturiero, della produzione di energia elettrica e dell’utilizzo domestico. Un uso efficiente dell’acqua non è mai stato così cruciale come in questo momento.
L’utilizzo più efficiente dell’acqua non consente solamente di mantenere un equilibrio sostenibile, ma anche di ottenere benefici dalle opportunità che si vanno presentando.

L'indagine ViewPoint

Realizzata​ in collaborazione con con l'Organizzazione per lo Sviluppo Industriale delle Nazioni Unite (UNIDO) e l'Istituto internazionale di ricerca GFK Eurisko, l'indagine ha studiato l'approccio di gestione delle acque adottato da aziende di diversi settori in Europa, Nord America, Sud America e Asia. La ricerca dimostra che una migliore gestione dell'impronta idrica non è soltanto necessaria, ma può rappresentare una opportunità di business.

Alcuni dati:

  • Il 43 % delle aziende ha dato il via a iniziative di water management negli ultimi 5 anni.
  • Il 27 % monitora attivamente l'impronta idrica.
  • Il 24 % considera il risparmio economico come il maggior beneficio della gestione dell'acqua.
  • La conformità alle disposizioni di legge è la motivazione principale per l'implementazione di attività legate alla gestione idrica.
  • La mancanza di conoscenza specifica del management è considerata il principale ostacolo per il water management dal 21 % delle aziende intervistate.

L’esplosione demografica, lo sviluppo economico, il cambiamento climatico, l’urbanizzazione e l’inquinamento stanno pesando tremendamente sulle risorse idriche mondiali. La domanda di acqua continua a crescere e si stima che entro il 2050 aumenterà del 55% a seguito della crescente domanda del settore manifatturiero, della produzione di energia elettrica e dell’utilizzo domestico. Un uso efficiente dell’acqua non è mai stato così cruciale come in questo momento.

Per i risultati completi vi invitiamo a visionare il report e l'infografica sottostante.

Clicca qui Sei un cliente di DNV GL e vuoi diventare membro della community di Viewpoint?