DNV GL

DNV GL per VIVA - La Sostenibilità nella Vitivinicoltura in Italia

​V.I.V.A. è un progetto del Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare per la sostenibilità nel settore vitivinicolo messo a punto con la collaborazione di partner del mondo dell’università della ricerca, di importanti aziende italiane e dell’ente di certificazione DNV GL.

Contattaci

Camilla Campora Camilla Campora
External Communication Responsible

Vuoi saperne di più?

Richiedi informazioni
Condividi:
Stampa:

V.I.V.A., La sostenibilità nella vitivinicoltura in Italia

Il settore vitivinicolo è una delle colonne portanti della produzione e dell’esportazione agroalimentare italiana e i vigneti sono una delle componenti principali del paesaggio agrario di molte regioni. Promuovere la sostenibilità nella gestione e nella protezione dell’ambiente rurale e del paesaggio agrario in ambito vitivinicolo è fondamentale.

Con il progetto V.I.V.A. (Valutazione dell’Impatto della Vitivinicoltura sull’Ambiente), il Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare - in collaborazione con un pool di università e centri di ricerca e l’ente di certificazione DNV GL - ha sviluppato indicatori di misurazione della performance di sostenibilità specifici per il settore, a cui le aziende possono far riferimento per valutare il proprio impatto ambientale e socioeconomico e pianificare di conseguenza azioni riduttive e correttive.

Elaborati sulla base di standard e linee guida internazionali, gli indicatori tengono conto del fatto che l’industria del vino italiana è molto variegata e che ogni azienda è condizionata dall’ambiente in cui opera. Gli indicatori sono quattro e prendono in considerazione gli elementi principali per lo svolgimento dell’attività vitivinicola e quelli su cui determina un impatto: ARIA, ACQUA, VIGNETO E TERRITORIO. Per ciascun elemento DNV GL e le università hanno sviluppato un disciplinare tecnico che ne definisce le metodologie di monitoraggio e rendicontazione, oltre ai sistemi di controllo che le aziende vitivinicole devono adottare per mantenere livelli qualitativamente accettabili per ciascun parametro.

Le aziende che rispettano i valori prestabiliti dal disciplinare tecnico per ciascun parametro potranno, dopo verifica di terza parte, fregiarsi dell’etichetta V.I.V.A., con importanti risvolti anche per i consumatori. L’etichetta, posizionata direttamente sulla bottiglia e di facile lettura, darà conto sia della performance attuale, sia del percorso compiuto dall'azienda nel tempo. Il consumatore potrà sapere in modo semplice se la bottiglia che si appresta a stappare è stata prodotta nel rispetto delle logiche della sostenibilità.

Gli indicatori e i requisiti tecnici alla base di V.I.V.A. 

ARIA
L’indicatore ARIA misura il totale delle emissioni di gas ad effetto serra (GHG) associate, di-rettamente e indirettamente, al ciclo di vita di una bottiglia di vino da 0,75 l oppure all'inventario GHG dell’azienda. Per la messa a punto dell’indicatore, sono stati presi a riferimento la norma ISO 14067 per la quantificazione della carbon footprint di prodotto e la ISO 14064 (parte 1) per la quantificazione delle emissioni di gas a effetto serra di un’organizzazione.

ACQUA
Facendo riferimento alle linee guida definite dal Water Footprint Network, fondazione internazionale dedita alla promozione dell’uso sostenibile dell’acqua, l’indicatore ACQUA misura il volume di acqua dolce consumata complessivamente dall’azienda e specificatamente per la produzione di una bottiglia di vino da 0,75 l.

TERRITORIO
L’indicatore TERRITORIO valuta le conseguenze delle attività aziendali per il territorio, dal punto di vista della tutela della biodiversità, della salvaguardia e valorizzazione del paesaggio, e per la comunità, in termini di conseguenze sociali ed economiche. L’indicatore è stato sviluppato facendo riferimento alle linee guida del Global Reporting Initiative “Sustainability Reporting Guidelines GRI G 3.1", che rappresentano un riferimento internazionalmente riconosciuto per la redazione dei rapporti di sostenibilità, e allo standard ISO 26000 per la responsabilità sociale d’impresa.

VIGNETO
L’indicatore VIGNETO valuta le pratiche di gestione agronomica: dall'uso degli agrofarmaci alla concimazione, dalla gestione della sostanza organica ai fenomeni di erosione e compattamento e tutte le altre attività aziendali che possono influenzare la biodiversità. L’indicatore si basa sulla Direttiva 2009/128/CE sull'uso sostenibile dei fitofarmaci e sulle linee guida indicate dall’O.I.V. definite dalla guida CST 1-2008.

Il team di lavoro e il ruolo di DNV GL
Il Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare ha potuto contare su un team multidisciplinare che ha coinvolto esponenti di aziende vitivinicole italiane e di importanti università italiane, tra cui:

  • Agroinnova, Centro di Competenza dell’Università di Torino;
  • Centro di Ricerca Opera per la sostenibilità in agricoltura dell’Università Cattolica del Sacro Cuore;
  • Centro di Ricerca sulle Biomasse dell’Università degli Studi di Perugia.

L’ente di certificazione internazionale DNV GL con il Centro di Ricerca OPERA e il Centro di Competenza Agroinnova, hanno curato la redazione dei disciplinari tecnici alla base di ciascun indicatore. I valori degli indicatori, inoltre, dovranno essere verificati ogni due anni da DNV GL o da altro organismo di terza parte, condizione necessaria per il rilascio dell’etichetta del Ministero. 

2014: le prime aziende vinicole a potersi fregiare dell’etichetta V.I.V.A.
In occasione della fiera Vinitaly 2014 verranno rilasciati i primi attestati V.I.V.A. a prestigiose cantine italiane che hanno aderito al progetto. In particolare, DNV GL ha verificato le performance di sostenibilità di:

  • Castello Montevibiano Vecchio
  • F.lli Gancia & Co
  • Marchesi Antinori
  • Masi Agricola
  • Michele Chiarlo
  • Planeta
  • Tasca d’Almerita
  • Venica&Venica

Note per i redattori
Con l’obiettivo di salvaguardare la vita, la proprietà e l’ambiente, DNV GL consente alle organizzazioni di incrementare la sicurezza e la sostenibilità delle proprie attività. DNV GL è leader per i servizi di classificazione, certificazione, verifica e formazione. Con origini nel 1864, DNV GL opera oggi a livello globale. È presente in oltre 100 Paesi con 16.000 professionisti impegnati ad aiutare i propri clienti a rendere il mondo più sicuro, più intelligente e più verde.