DNV GL

Emissioni di CO2 ridotte del 25% con i bicchieri Hybrid di Flo

​Ci si può prendere cura dell’ambiente anche bevendo un bicchier d’acqua.

Contattaci

Camilla Campora Camilla Campora
External Communication Responsible

Vuoi saperne di più?

Richiedi informazioni
Condividi:
Stampa:

DNV Business Assurance ha lavorato con Flo, multinazionale di riconosciuta serietà e professionalità nei settori del retail, del vending e dell'HO.RE.CA., per lo sviluppo di Hybrid, linea di bicchieri per distributori automatici a ridotto impatto ambientale.  

Attraverso uno studio del ciclo di vita parziale del prodotto, i tecnici di DNV Business Assurance hanno quantificato per Hybrid una riduzione delle emissioni di CO2 del 25% rispetto all’impatto generato da un bicchiere tradizionale in plastica.

Flo incontra DNV Business Assurance
Dal 1973 Flo produce stoviglie monouso. È una delle aziende italiane storiche del vending, settore dove ha iniziato la propria attività con la produzione di bicchieri per distributori automatici.  

Oggi conta 3 stabilimenti produttivi in Europa (due in Italia e uno in Francia) e opera su scala internazionale anche nei canali GDO e HO.RE.CA. Produce e commercializza bicchieri, piatti, posate in plastica, cartoncino e altri materiali.  

Gran parte dell'impegno di Flo oggi è rivolto a ricercare prodotti e soluzioni a ridotto impatto ambientale. La linea di prodotti Hybrid è nata proprio per assolvere questo obiettivo.  Hybrid è un bicchiere per distributori automatici di bevande costituito da materiale composito, polistirolo unito ad un mix di sali naturali, che consente una riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera senza che la qualità del prodotto venga in alcun modo intaccata. Infatti, i bicchieri Hybrid sono affidabili, igienici e riciclabili al 100% come tutti i bicchieri in plastica (polistirolo) prodotti da Flo.  

La necessità di valutare scientificamente l’impatto ambientale della nuova linea di bicchieri Hybrid ha portato FLO a rivolgersi a un ente di terza parte indipendente come DNV Business Assurance, che ha calcolato le emissioni di CO2  lungo il ciclo di vita parziale del prodotto.

Sintesi dei requisiti tecnici
Sulla base dei dati disponibili nel sistema informativo FLO e nella banca dati Ecoinvent, uno dei più importanti database di dati scientifici e industriali sul ciclo di vita dei prodotti, DNV Business Assurance ha calcolato la carbon footprint di Hybrid (ossia le emissioni di C02 generate) comparandola con quella di un bicchiere tradizionale di pari peso (3,8 g), entrambi prodotti dall’azienda.  

L'analisi è stata condotta in base agli standard internazionali della serie ISO 14040 e ai principi del Disciplinare Pubblico PAS 2050.

  • Le norme della serie 14040 rappresentano il riferimento normativo internazionale per l’esecuzione degli studi di LCA (Life Cycle Assessment), ossia dell’analisi del ciclo di vita intero o parziale del prodotto. Si tratta di un sistema finalizzato alla valutazione e quantificazione degli impatti ambientali di un prodotto nelle diverse fasi di sviluppo ed esistenza del prodotto stesso. Nel caso di Hybrid, lo studio è partito dal considerare gli stadi della produzione delle materie prime fino alla distribuzione del prodotto presso il cliente finale, includendo nella ricerca sia il prodotto, sia i materiali ausiliari (buste, cartoni, etichette), sia tutte le fasi di trasporto identificate nei vari processi.
  • Il Disciplinare Pubblico PAS 2050, invece, è il metodo di calcolo dell’impronta di carbonio più utilizzato in Europa per valutare le emissioni di gas serra generate da un prodotto durante il proprio ciclo di vita.

Dall’analisi comparativa effettuata è risultato che usando Hybrid, al posto del bicchiere tradizionale, si ottiene una riduzione di emissioni di CO2 nell’atmosfera del 25%: corrispondente a 3,9 g di CO2 in meno per pezzo e a 9,12 tonnellate di C02 in meno per ogni camion che trasporta 33 bancali di prodotti.

Hybrid rappresenta una soluzione reale per l'abbattimento delle emissioni di C02 nell'ambiente, pur conservando tutti i vantaggi offerti dai tradizionali bicchieri in plastica. È infatti affidabile, igienico e riciclabile al 100%. La sua messa a punto, unitamente allo studio che ne assicura l’efficacia nella riduzione delle emissioni di gas serra, ha permesso a FLO di assolvere alla propria vocazione di operare in un’ottica di sostenibilità e di soddisfare le esigenze di consumatori e retailer, per cui il contenimento dell’impatto ambientale è una discriminante sempre più importante nella scelta dei prodotti.  

Altro vantaggio non trascurabile fornito dall’analisi del ciclo di vita del prodotto, è che rivela chiaramente quali sono i passaggi e le ragioni determinanti nella produzione dei gas serra. Ciò consente all’azienda di intervenire in modo efficiente dove necessario per continuare a migliorare le proprie performance ambientali.  

Hybrid è il primo bicchiere in plastica per distribuzione automatica concepito in una logica ‘green’, rappresenta una novità assoluta per il settore che ha dimostrato da subito grande entusiasmo. L’immagine di Flo ne ha giovato in termini di azienda innovativa ed attenta alle problematiche ambientali, e questo si è tramutato nell’aumento di loyalty sui clienti assodati e nuove interessanti possibilità di sviluppo su clienti nuovi.Ovviamente lo studio condotto da DNV è stato basilare a garanzia  della veridicità delle nostre argomentazioni commerciali, l’attestato DNV che conferma e quantifica le performance di Hybrid per confronto con un bicchiere standard tradizionale è stato inserito anche sul sito Flo, cosicché tutti i nostri clienti lo possono scaricare e utilizzare a loro volta come efficace strumento di vendita” ha commentato Erika Simonazzi, Responsabile Marketing di FLO SpA.