DNV GL

Breadcrumbs

Sostenibilità della filiera: ANICAV e DNV GL firmano protocollo di intenti

Condividi:
Stampa:
pomodori1134x320
L’Associazione Industriale degli Industriali Conserve Alimentari Vegetali e l’ente di certificazione internazionale DNV GL siglano un accordo di collaborazione per promuovere la cultura della sostenibilità di impresa.

Per favorire la sensibilizzazione delle imprese rispetto a tematiche importanti come la sostenibilità d’impresa e per incentivare percorsi di responsabilità sociale, l’ANICAV (Associazione Industriale degli Industriali Conserve Alimentari Vegetali) e l’ente di certificazione internazionale DNV GL hanno firmato un protocollo di intenti. 

Obiettivo dell’accordo è la promozione della cultura della sostenibilità nella gestione dei processi e dell’intera catena di fornitura, con un approccio che contempli tutti gli attori coinvolti: dalle aziende di trasformazione, ai produttori agricoli.

La collaborazione si concretizzerà in iniziative di formazione finalizzate ad accompagnare le imprese, in primis quelle agricole, verso l’adozione di modelli produttivi sostenibili. 

L’accordo siglato, inoltre, mira a favorire l’implementazione di sistemi di gestione e la diffusione di certificazioni che permettano alle aziende del settore di operare all’insegna dei più rigorosi standard internazionali, in particolare in materia di rispetto dell’ambiente, della tutela dei lavoratori e della sicurezza alimentare.

“Il Protocollo, firmato con uno degli enti di maggior prestigio internazionale – spiega il Direttore Generale di ANICAV  Giovanni De Angelis – s’inquadra nell’ambito delle azioni che abbiamo messo in campo per promuovere la corretta attenzione all’etica del lavoro e alla qualità e sicurezza dei prodotti; sia nelle aziende di trasformazione, sia nel mondo agricolo. Nell’ambito di un mercato sempre più condizionato dalla richiesta di sostenibilità di prodotti e servizi – continua De Angelis – è necessario sviluppare una nuova etica d’impresa che non sia limitata ai nostri associati, ma condivisa da tutti gli attori della filiera”. 

Francesco Di Sarno, Food&Beverage Manager Region Sud Europa di DNV GL – Business Assurance, ha aggiunto “la promozione della cultura della sostenibilità in un settore chiave per l’economia italiana come quello conserviero è determinante per continuare a favorirne la crescita, anche in virtù della centralità di questi aspetti per le esportazioni. Alle aziende non manca la volontà ma spesso non sanno da dove partire. Incentivare la formazione può fare la differenza”.

Da questo mese, prendono il via attività formative per gli addetti ai lavori sui sistemi di certificazione SA8000 per le imprese di trasformazione e sul Protocollo GlobalGap per le aziende agricole*.


*Lo standard di certificazione per la social accountability SA8000 promuove il rispetto delle regole sull’etica del lavoro definite dalle più importanti organizzazioni mondiali per la tutela dei diritti umani e del lavoro. GlobalGap è uno dei più importanti protocolli di buone pratiche agricole.


Note per i redattori


DNV GL è uno dei principali enti di certificazione a livello mondiale. Aiuta le aziende a garantire l’efficienza delle proprie organizzazioni, nonché di prodotti, personale, strutture e catene di fornitura attraverso servizi di certificazione, verifica, valutazione e formazione, affiancandole per consolidare performance aziendali sostenibili e alimentare la fiducia da parte degli stakeholder. Il Gruppo DNV GL opera in oltre 100 paesi con 15.000 professionisti impegnati ad assistere con dedizione i propri clienti per rendere il mondo più sicuro, intelligente e verde.


ANICAV, Associazione Nazionale Industriali Conserve Alimentari Vegetali (derivati del pomodoro, legumi e frutta, sottaceti e sottoli), con sede a Napoli, è la più importante Associazione del pomodoro da industria. L’ANICAV associa 110 aziende, localizzate in 12 regioni, con una maggiore presenza nel bacino del pomodoro del Centro Sud, le quali rappresentano l’80% delle aziende italiane private del settore della trasformazione del pomodoro e la quasi totalità delle aziende di trasformazione dei legumi.