DNV GL

Breadcrumbs

Cibus 2016: DNV GL consegna il certificato per la tracciabilità di filiera agroalimentare a G7 Srl

Condividi:
Stampa:
g7
Silvia Visani, Responsabile Marketing ed Elisa Gallerani, Responsabile Qualità di G7 srl, hanno ricevuto il certificato ISO 22005 da parte di DNV GL per la linea di prodotti GelatoMadre - 100% Naturali e Italiani.
g7prodotto

Per G7, azienda produttrice di gelato artigianale a livello internazionale, la tracciabilità della filiera agroalimentare rappresenta un traguardo importante a sigillo di un progetto innovativo e orientato ad raggiungere i massimi livelli qualitativi.
Stefano Santamato, Food & Beverage Sales Manager Italy di DNV GL Business Assurance, ha consegnato il certificato ISO 22005 relativamente ai prodotti GelatoMadre Limone con succo di “Limone di Sorrento I.G.P.”, GelatoMadre con “Pistacchio verde di  Bronte D.O.P.”,  GelatoMadre Nocciola “prodotto ottenuto esclusivamente da “Nocciola Piemonte I.G.P.””
La sicurezza e la sostenibilità  di un prodotto alimentare è frutto di un approccio alla supply chain sistematico, ben gestito e trasparente. Adeguarsi ai requisiti della norma ISO 22005 vuol dire avere l'obiettivo di documentare l'origine e la storia del proprio prodotto, creando fiducia e credibilità nel consumatore.

Silvia Visani ha dichiarato: "È motivo di orgoglio l’aver ricevuto questa importante certificazione; rappresenta per noi un segno tangibile a conferma della passione, della cura e della costante innovazione che da sempre caratterizzano il nostro lavoro. Crediamo che il consumatore, oggi più che mai, sia alla perenne ricerca di prodotti di altissima qualità, con caratteristiche di chiarezza e trasparenza che solo tale certificazione può garantire".

Stefano Santamato ha commentato: “Con l'affermarsi della globalizzazione, la gestione della supply chain è diventata un ambito sempre più critico per le imprese. Consegnare questo importante riconoscimento a un’azienda come G7 all’interno del Salone Internazionale dell’alimentazione, evento di riferimento dell’agroalimentare italiano, è stata una vera soddisfazione ”.