DNV GL

Breadcrumbs

La città di Chennai restituisce le proprie strade alla comunità. Vincitrice del Premio Sustainia 2015.

Condividi:
Stampa:
Sustania_1134x350
COP21, PARIGI: La riprogettazione della città indiana di Chennai, capace di ispirare città di tutto il mondo, vince il Premio Sustainia 2015 per le sue soluzioni al crescente inquinamento dell’aria e all’aumento delle vittime del traffico della città.
  • Pubblicata:
  • Autore:
  • Keywords: Business Assurance

Il Premio Sustainia è sostenuto da un gruppo internazionale di organizzazioni, inclusa DNV GL, concentrate sulla sostenibilità.  Il vincitore è selezionato da un comitato presieduto dall’ex governatore della California, Arnold Schwarzenegger. I leader mondiali della sostenibilità, inclusi l’imprenditore Sir Richard Branson e Ted Turner, l’ex membro della Commissione dell’Unione Europea per l’Azione per il Clima, Connie Hedegaard, e il Direttore Esecutivo del Global Compact delle Nazioni Unite, Lise Kingo, hanno partecipato alla cerimonia di premiazione Sustainia il 7 dicembre a Parigi.   

Costituito utilizzando almeno il 60% del budget per il trasporto urbano, il progetto di Chennai è una riprogettazione su larga scala che include marciapiedi allargati, attraversamenti pedonali sicuri, piste ciclabili protette, carreggiate adeguatamente dimensionate, fermate degli autobus opportunamente posizionate e parcheggi su strada disegnati in modo chiaro.

E’ una soluzione che offre benefici di vasta portata sulla salute e ambientali, grazie ad adattamenti smart dei trasporti.     

Arnold Schwarzenegger
, ex governatore della California e Presidente della Commissione del Premio Sustainia, ha dichiarato: “Le città la fanno da padrone nella generazione dei gas serra, ma il vincitore del Premio Sustainia, Chennai, ci ricorda che anche le città hanno l’agilità e il potere di agire velocemente e creare soluzioni che diano benefici ai loro cittadini e al pianeta. Amo questo genere di soluzioni perché danno ad altre città l’ispirazione per agire e non aspettare che i rispettivi governi nazionali lo facciano al posto loro”. 

Il Premio Sustainia, riconoscimento mondiale che premia l’innovazione sostenibile, è stato istituito da aziende e organizzazioni che appartengono a diversi settori: Realdania, IFHP, DNV GL, Storebrand, Regions20, UNGC, WWF e Connect4Climate formano il gruppo di soci che rappresenta una pluralità di approcci alla sostenibilità – tutti determinati a rendere tangibile e reale un futuro sostenibile. 

Bjørn K. Haugland
, responsabile per la sostenibilità di DNV GL, società sponsor e uno dei soci fondatori del Premio Sustainia, ha dichiarato che: “Stiamo vedendo sempre più soluzioni innovative che partono dal basso, da parte di città che puntano a migliorare la qualità della vita dei loro cittadini. Ogni grande cambiamento ha origine da un’idea, ed è vitale che idee come questa acquistino sempre più importanza. Ecco perché il Premio Sustainia è così rilevante, riesce a dare luce alle soluzioni applicabili già oggi e aiuta a dare loro il giusto slancio”. 

Riprogettare per avere strade verdi e sicure


Con un numero di morti causati dai più di 10.000 incidenti stradali registrati a Chennai ogni anno, tra i più alti dell’India, e un inquinamento atmosferico che rappresenta il maggiore rischio di salute per la città, il vincitore di quest’anno del Premio Sustainia risponde a una esigenza cruciale. La soluzione utilizzata a Chennai affronta le principali sfide legate all’urbanizzazione nei paesi di tutto il mondo. Nel 1990, meno del 40 per cento della popolazione mondiale viveva in città. Nel 2050, si prevede che il numero raggiungerà il 70 per cento. L'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OECD), stima che l’inquinamento atmosferico diventerà la maggiore causa ambientale di mortalità nel mondo. 

“Le strade di Chennai sono oggi un orgoglioso esempio di valore promosso nello spazio pubblico più comune di una città, ringrazio tutti i nostri partner per il loro supporto, e la commissione di Sustainia per il riconoscimento al lavoro svolto dalla Municipalità di Chennai” ha dichiarato il commissario Vikram Kapur della Municipalità di Chennai.  

Un ponte tra i negoziati a livello globale e le innovazioni della base
 

Attraverso una campagna di osservazioni in tutto il mondo, i soci che sostengono il Premio Sustainia realizzano ogni anno una lista di 100 innovazioni già disponibili, per mostrare che una transizione sostenibile non è solo possibile ma è già in corso. Le soluzioni, una volta aggregate nella lista, creano un senso di ottimismo sulle possibilità e i benefici delle scelte sostenibili.       

“Sustainia esiste per rispondere a una semplice domanda: come possiamo costruire un futuro sostenibile utilizzando le soluzioni attualmente disponibili? Sappiamo che il futuro è nelle nostre mani, quindi dobbiamo colmare il divario tra i negoziati a livello globale e le innovazioni della base. A Sustainia, abbiamo individuato le innovative soluzioni che si stanno implementando in questo momento” ha dichiarato Mikkel Andersen, Direttore dei Servizi Strategici Globali di Sustainia

Portare le innovazioni sostenibili a Parigi


Il 2015 è stato un anno ricco di promesse di un’azione politica. All’inizio di quest’anno, l’ONU ha adottato i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, e abbiamo la speranza che a Parigi venga raggiunto un accordo ambizioso e vincolante sull’obiettivo delle emissioni globali. Queste ambizioni politiche richiedono innovazioni concrete e lo sviluppo di nuovi modelli di business. 

“La Conferenza di Parigi delle Nazioni Unite, sui Cambiamenti Climatici, è un punto di svolta verso un futuro migliore. Affrontare le sfide dei cambiamenti climatici significa innovazione, nuovi modelli economici e crescita sostenibile in questo secolo. Le innovazioni identificate e comunicate da Sustainia mostrano come già esistano modelli di business nuovi e sostenibili e si tratta di azioni già in corso” ha dichiarato Christiane Figueres, Direttore Esecutivo della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) e membro del Comitato del Premio Sustainia.