DNV GL

Breadcrumbs

Nasce un nuovo Marchio GGN per i prodotti ittici rivolto ai consumatori

Condividi:
Stampa:
Seafood
Il nuovo marchio garantirà una provenienza da produttori certificati Global Gap Acquaculture e la trasparenza delle informazioni sull’origine, i metodi di lavorazione e l’impatto sociale ed ambientale del prodotto.

Il marchio GGN Certified Aquaculture garantisce che i prodotti ittici su cui viene applicato provengono da allevamenti, aziende e catene di fornitura certificate secondo lo standard GlobalG.A.P Acquaculture, che copre l’intero processo di produzione dalla programmazione all’allevamento fino alla distribuzione finale. 

La certificazione secondo il “GLOBALG.A.P. Standard for Good Aquaculture Practices” copre 29 tra le principali specie ittiche ed è ampiamente utilizzato nelle regioni più produttive di Asia, Europa e America latina.

Il marchio indirizza il consumatore verso www.ggn.org, il portale dedicato esclusivamente all’acquacultura certificata, dove sarà possibile trovare informazioni sull’azienda e sui metodi di allevamento utilizzati, oppure sull’intera catena di fornitura.

A seconda del tipo di certificazione ottenuta, e del corrispondente ruolo nella supply chain, infatti, il marchio stampato sul prodotto finale riporterà 2 diverse diciture, corrispondenti ad altrettante strade per ottenere informazioni:

  • GGN Certified Aquaculture: inserendo il codice GGN nel portale online verranno visualizzate informazioni dettagliate sull’azienda produttrice e/o trasformatrice;
  • Chain of Custody: inserendo il codice CoC e il Trade Mark sul portale online verrà visualizzata una lista delle aziende facenti parte della supply chain.
Come ottenere il marchio GGN

Il Marchio GGN Certified Aquaculture potrà essere richiesto da: fornitori e operatori, venditori finali e appartenenti alla Grande Distribuzione Organizzata. Ogni soggetto avrà diversi obblighi:

Fornitori e Operatori

Come azienda stampatrici del marchio sul prodotto finale le aziende facenti parte della supply chain dovranno assicurare:
  • Che tutte le aziende partner siano certificate;
  • Un corretto utilizzo del marchio e del codice identificativo;
  • Informazioni dettagliate sull’allevamento da cui proviene il prodotto.
Venditori finali e GDO

I venditori finali e gli appartenenti alla GDO dovranno informare i fornitori e gli operatori partner dell’intenzione di utilizzare il marchio GGN sul prodotto ittico. Il fornitore dovrà a quel punto farsi carico di rispondere a tutti i requisiti precedentemente indicati.

Se l’allevamento effettua dà sé i processi di lavorazione ed impacchettamento del prodotto potrà anch’egli far richiesta come operatore.

Per poter utilizzare il marchio GGN Certified Aquaculture sarà infine necessario inviare una richiesta di autorizzazione alla segreteria generale di GlobalG.A.P. e pagare una quota di utilizzo basata sul tonnellaggio di prodotto venduto.

I vantaggi del marchio GGN

L’utilizzo del marchio sul prodotto fornisce alle aziende appartenenti al settore ittico numerosi vantaggi, quali:
  • Comunicare ai clienti l’impegno dell’azienda nel fornire solamente prodotti provenienti da allevamenti di acquacultura certificati;
  • La possibilità di scegliere tra prodotti appartenenti a 29 specie diverse – inclusi pesci a pinne, crostacei e molluschi;
  • La sicurezza di appartenere allo standard Global Gap, che garantisce alti livelli di qualità e sicurezza, e ridotti impatti ambientali e sociali;
  • L’inserimento dei propri prodotti sul sito www.ggn.org che permette ai clienti di rintracciare l’allevamento di produzione e di ottenere utili informazioni sull’acquacultura;
  • Distinguere i propri prodotti da quelli concorrenti.