DNV GL

Certificazione per i materiali a contatto con alimenti

La certificazione per i materiali a contatto con alimenti è uno schema di certificazione di prodotto che si applica a materiali e componenti che possono essere in contatto diretto o indiretto con gli alimenti in quanto montati sulle macchine per la lavorazione e il confezionamento degli alimenti stessi.

Contattaci

Vuoi saperne di più?

Richiedi informazioni

Per richiedere una quotazione

Clicca qui
Condividi:
Stampa:
HACCP

Per garantire la salute e la sicurezza dei consumatori, è necessario che tutti i materiali che vengono a contatto con gli alimenti non costituiscano una potenziale fonte di contaminazione attraverso sostanze in grado di comprometterne la sicurezza o alterarne il gusto o l’odore e in generale le caratteristiche organolettiche.

Chi fabbrica materiali e prodotti destinati al contatto alimentare deve rispettare le direttive europee applicabili, incluse le buone pratiche di fabbricazione e, auspicabilmente, anche le norme volontarie, che consentono di garantire e dimostrare con maggior accuratezza la sicurezza dei prodotti.

DNV GL Business Assurance, al fine di definire i requisiti e monitorare la sicurezza dei materiali, ha sviluppato lo schema di certificazione di prodotto denominato "Certificazione per i materiali a contatto con alimenti".

L’adozione di questo protocollo da parte delle aziende inserite nella catena di fornitura di attrezzature per la trasformazione e l'imballaggio di alimenti, presenta diversi vantaggi.

Questi includono, tra gli altri:

  • un risparmio di tempo e costi, grazie ad un unico ‘Rapporto di audit’ riconosciuto da molteplici soggetti che ne accettano la presentazione in sostituzione di propri audit individuali;
  • uno scopo di certificazione inclusivo, che comprende aree quali la qualità, l'igiene e la sicurezza dei prodotti e che soddisfa i principali requisiti richiesti dal mercato, quando le aziende appaltatrici devono valutare e approvare un fornitore;
  • la verifica di terza parte dei requisiti previsti dalla catena di fornitura di attrezzature per la trasformazione e l'imballaggio di alimenti;
  • un vantaggio competitivo, grazie all'utilizzo di un marchio di certificazione di DNV GL Business Assurance, specifico e riconosciuto;
  • la possibilità, per i fabbricanti, di utilizzare questo standard per dimostrare che i loro subappaltatori seguono le buone pratiche di fabbricazione e soddisfano i requisiti legali.
I riferimenti normativi sulla cui base DNV GL ha realizzato questo schema di certificazione.

Per quanto riguarda la legislazione dell’Unione Europea, le norme di riferimento sono:
  • Regolamento quadro sui materiali e gli oggetti destinati a entrare in contatto con i prodotti alimentari - Regolamento  CE 1935/2004
  • Buone pratiche di fabbricazione per i materiali e gli oggetti destinati a venire a contatto con il cibo - Regolamento CE 2023/2006
  • Regolamento (UE) 10/2011 sulle materie plastiche e gli oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti, e successive modifiche
  • Regolamento (UE) 2015/1906 della Commissione, del 22 ottobre 2015, che modifica il regolamento (CE) n. 282/2008 relativo ai materiali e agli oggetti di plastica riciclata destinati al contatto con gli alimenti (Testo rilevante ai fini del SEE)
Per quanto riguarda la legislazione internazionale in generale, si fa riferimento a:
  • FDA: 21-Food and drugs chapter I-Food and drug administration department of health and human services Subchapter B –Food for human consumption (continued).   PART 172, food additives permitted for direct addition to food for human consumption ; PART 174, Indirect Food Additives : General