DNV GL

Certificazione UTZ

E’ un programma di certificazione mondiale rivolto ai produttori di The, Caffè e Cioccolato il cui scopo è che la produzione primaria sia implementata in maniera sostenibile.

Contattaci

Vuoi saperne di più?

Richiedi informazioni

Per richiedere una quotazione

Clicca qui
Condividi:
Stampa:
Piantagione_tea_1134x300

L’applicabilità è rivolta a tutti gli attori della filiera alimentare che mediante un programma di “Chain of Custody” possano contribuire alla produzione di prodotti sostenibili. 

Si tratta di un documento in cui sono contenute tutte le regole che gli agricoltori devono rispettare per ottenere la certificazione UTZ CERTIFIED. Lo schema di certificazione può essere implementato in diversi settori. L'intera catena deve essere in grado di dimostrare che si mantenere l’identificazione e la tracciabilità di questi prodotti. La certificazione UTZ è spesso combinata ad altre attività di audit BRC, IFS, ISO 9001 e FSSC 22000.

E’ rivolta a coloro che producono the caffè e fave di cioccolato, distributori, trasformatori primari ed industrie del settore alimentare.

Questa norma fa inoltre riferimento ai requisiti di “due diligence”*.

Cosa rappresenta questo programma

UTZ Certified ha lo scopo di definire standard di agricoltura sostenibile mediante l'attuazione di uno standard di certificazione globale e per fornire servizi di monitoraggio per la produzione professionale, sociale ed ecologico e provenienza del prodotto. Mediante il mantenimento della tracciabilità sarà possibile veicolare le informazioni relative all’origine delle materie prime oggetto di questo programma e trasferirle lungo tutta la filiera alimentare fino alla produzione di prodotti trasformabili sostenibili.

Il programma UTZ richiede:

  • un forte coinvolgimento degli agricoltori nel rispetto di specifici codici di condotta;
  • la realizzazione di un sistema di gestione documentato;
  • l’implementazione di un sistema di identificazione e tracciabilità robusto lungo tutti gli attori della filiera.
I vantaggi del protocollo UTZ

La filiera della sicurezza agroalimentare e la filiera della “due diligence”, ad essa collegata, sono basate sul contributo di tutti gli attori coinvolti. 

Il principale vantaggio è quello di identificare in maniera chiara un prodotto la cui realizzazione ha tenuto in considerazione aspetti etici ed ambientali, potendosi così fregiare della denominazione “prodotto sostenibile”

*I requisiti di “due diligence” esprimono la capacità di dimostrare di aver adottato tutte le misure ragionevoli per limitare i rischi ed evitare il verificarsi di incidenti.