DNV GL

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (UNI- INAIL)

Dal 2001, le "Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro" (PARTE I - PARTE II) elaborate da UNI e INAIL, forniscono alla realtà produttiva italiana, una modalità di realizzazione di un sistema di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro. Le linee guida UNI-INAIL costituiscono un aiuto per le imprese che intendono volontariamente adottare un sistema di gestione della sicurezza e sicurezza sul lavoro (SGSL).

Contattaci

Vuoi saperne di più?

Richiedi informazioni

Per richiedere una quotazione

Clicca qui
Condividi:
Stampa:
Salute_Sicurezza1134x300

Realizzate da un gruppo di lavoro costituito da organizzazioni sindacali, datoriali e di normazione, queste Linee Guida definiscono le "modalità per individuare, all'interno della struttura organizzativa aziendale, le responsabilità, le procedure, i processi e le risorse per la realizzazione della politica aziendale di prevenzione, nel rispetto delle norme di salute e sicurezza vigenti".

Le "Linee guida" sono state nel tempo integrate da altri documenti contenenti indicazioni più operative che ne rendono più agevole l’applicazione da parte delle imprese:

  • Guida operativa, fornisce un metodo operativo per l'implementazione del sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro codificato nelle "Linee Guida";
  • Manuale del sistema, riprende i principi enunciati nelle "Linee Guida", articolandone lo scopo, l'ambito di applicazione, le responsabilità e le attività che devono essere svolte;
  • Linee guida settoriali, forniscono indicazioni aggiuntive, di carattere interpretativo e d’indirizzo applicativo, per una più agevole implementazione di un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro in aziende appartenenti a settori specifici.
Il SGSL implementato secondo le Linee Guida UNI-INAIL ha validità generale e la sua applicazione va modulata tenendo conto delle caratteristiche complessive dell’impresa/organizzazione (dimensioni, tipologie produttive, cicli tecnologici, struttura dell’organizzazione, ecc.) che intende adottarlo. Tale sistema, infatti, si propone di:
  • ridurre progressivamente i costi complessivi della salute e sicurezza sul lavoro compresi quelli derivanti da incidenti, infortuni e malattie correlate al lavoro, minimizzando i rischi cui possono essere esposti i dipendenti o i terzi (clienti, fornitori, visitatori, ecc.);
  • aumentare l’efficienza e le prestazioni dell’impresa/organizzazione;
  • contribuire a migliorare i livelli di salute e sicurezza sul lavoro;
  • migliorare l’immagine interna ed esterna dell’impresa/organizzazione.
Le Linee Guida UNI-INAIL non vogliono sostituirsi ai requisiti del D.M. 9 agosto 2000 riguardante le industrie a rischio di incidente rilevante (regolamentate dal D. Lgs. 334/99 modificato dal D.Lgs. 238/2005), quindi non sono applicabili a tali industrie.

Il sistema
sviluppato sulla base delle Linee Guida UNI-INAIL può essere propedeutico alla certificazione secondo lo schema BS OHSAS 18001. Quindi successivamente alle attività di valutazione del SGSL UNI-INAIL, un’organizzazione, effettuate le opportune integrazioni, potrà ottenere la certificazione del proprio Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro secondo lo standard BS OHSAS 18001. DNV GL può effettuare una valutazione dell’implementazione del SGSL attraverso una verifica documentale ed un accertamento sul campo presso la sede dell’impresa. 

Al positivo completamento delle attività di verifica
, DNV GL dopo aver effettuato un’ulteriore valutazione tecnica dell’attività svolta, emette l’attestato di conformità. Le aziende che hanno implementato un sistema di gestione della salute e sicurezza, secondo le Linee Guida UNI-INAIL, possono beneficiare, dietro presentazione di domanda apposita, dello sconto sul premio assicurativo, denominato “oscillazione per prevenzione” (art. 24 M.A.T.), che L’INAIL riserva alle aziende, operative da almeno un biennio, che eseguono interventi per il miglioramento delle condizioni di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro, in aggiunta a quelli minimi previsti dalla normativa in materia (D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche e integrazioni). Per saperne di più, leggi qui.

Per il mantenimento nel tempo dell’attestazione occorrerà ripetere l’accertamento con periodicità annuale. Gli accertamenti secondo UNI-INAIL possono essere effettuati anche congiuntamente agli audit pianificati per la verifica di altri schemi di certificazione posseduti dall’organizzazione (per es. ISO 9001 o ISO 14001).

DNV GL non considera applicabile una verifica secondo UNI-INAIL ad una organizzazione con attività ad alta complessità (High Complexity), quali ad esempio industrie chimiche, industrie del settore delle costruzioni, industrie estrattive, ecc.