DNV GL

Obblighi dei gestori di impianti soggetti alla Direttiva EU ETS

La direttiva EU ETS definisce, per i gestori degli impianti soggetti alla direttiva stessa, gli obblighi di comunicazione verso l’Autorità Nazionale Competente: si tratta di alcune specifiche dichiarazioni ed adempimenti circa le modalità di compensazione delle emissioni di gas effetto serra.

Contattaci

Vuoi saperne di più?

Richiedi informazioni

Per richiedere una quotazione

Clicca qui
Condividi:
Stampa:
CCS services

In Italia la Direttiva EU ETS è stata recepita in Italia D.Lgs. n. 216 del 4 aprile 2006 e con il successivo aggiornamento avvenuto con D.Lgs. n. 30 del 13 marzo 2013 che definisce gli obblighi per i gestori degli impianti soggetti alla direttiva stessa. Ovvero:

  • richiedere all'Autorità Nazionale Competente l'autorizzazione ad emettere gas serra. Tale richiesta serve per ottenere il rilascio delle quote di emissione e prevede che l'azienda presenti una documentazione in cui siano descritti l'impianto, la tecnologia in uso o le fonti di emissioni esistenti. Il gestore aggiorna periodicamente l’Autorità Nazionale competente circa eventuali variazioni rispetto alle informazioni fornite inizialmente;
  • richiedere all'Autorità Nazionale Competente l’approvazione del Piano di Monitoraggio dell’impianto. Il Piano definisce le fonti di emissioni e le misure di monitoraggio, controllo e rendicontazione delle emissioni stesse. Il Piano deve essere aggiornato se l’impianto subisce modifiche sostanziali;
  • fornire la quantificazione e la verifica, da parte di un Organismo di Certificazione accreditato, del totale annuo di emissioni;
  • comunicare all'Autorità Nazionale competente, entro il 31 marzo di ogni anno, le emissioni verificate;
  • restituire all'Autorità Nazionale Competente, entro il 30 Aprile di ogni anno, le quote di emissione CO2-eq corrispondenti alle emissioni di CO2 verificate.